Cina: «Non vi è alcun cambiamento visibile nella Chiesa in Cina»

4 Dicembre 2019
Fonte: fsspx.news

All'inaugurazione dell'anno accademico di una facoltà di teologia italiana, il 21 novembre 2018, il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato della Santa Sede, ha descritto «l'accordo provvisorio» tra Roma e Pechino come «conquista della fede» per evitare «che i vescovi non siano in comunione» con la Santa Sede, riferisce il sito web di Vatican Insider.

L'accordo sulla nomina di vescovi firmato tra Cina e Vaticano il 22 settembre 2018 (vedi DICI n. 377, ottobre 2018) «non sembrava umanamente possibile», ha affermato l'alto prelato. «Speriamo che questo accordo funzioni e che ci sia buona volontà da parte della Cina, tuttavia, è difficile, ha ammesso, cambiare mentalità dopo «questi anni difficili».

 

Nonostante questo accordo, dal contenuto rimasto segreto, le persecuzioni contro i cristiani non si sono fermate in Cina. «Non ci sono cambiamenti visibili nella Chiesa in Cina» dopo l'accordo, scrive padre Zaoxu a novembre presso l'Agenzia cattolica di AsiaNews. Pechino «ha ottenuto ciò che voleva: tenere tra le mani l'elenco dei nomi dei candidati all'episcopato». E i sette vescovi che si sono riconciliati, «non mostrano principi diversi da quando erano illegittimi».

 

L'11 novembre le autorità cinesi hanno demolito diversi locali nella parrocchia cattolica di Chaocheng nella città di Liaocheng, nella provincia di Shandong, nella parte orientale del paese. Il motivo ufficiale della demolizione è l'assenza dei documenti necessari per certificare la legalità delle strutture, costruite nel 1930 prima dell'avvento del comunismo, riferisce l'Agenzia AsiaNews. Il complesso della chiesa cattolica di Chaocheng fu costruito nel 1930, nei primi anni della Repubblica di Cina. L'edificio di culto è stato costruito in stile cinese. In origine, era un monastero abitato dalle suore di Nostra Signora della Cina. Era uno dei quattro principali monasteri femminili della provincia.

 

Il 14 novembre, AsiaNews ha anche citato un fedele laico che denuncia il tradimento dell'accordo tra Cina e Santa Sede. I sacerdoti sono obbligati a far parte dell'Associazione patriottica (PA) e dall'11 ottobre quattro sacerdoti "clandestini" di Zhangjiakou (Hebei) sono tenuti in un luogo segreto, sottoposti a indottrinamento e lavaggio del cervello per per farli aderire all'Associazione patriottica. Più di 50 giorni dopo la firma dell'accordo, il governo cinese, in particolare il Dipartimento del Lavoro del Fronte Unito (FU) e l'Amministrazione di Stato per gli affari religiosi (SARA), hanno lanciato una nuova campagna per "convertire" i preti illegali. Ciò significa che devono frequentare corsi organizzati dal governo, per essere in linea con il Fronte Unito e fare il lavaggio del cervello sugli affari religiosi. Secondo il racconto di un sacerdote, le condizioni attuali sono le stesse di quelle degli anni precedenti: è necessario accettare la Guida dell'Associazione patriottica e concordare il principio di indipendenza, autonomia e "sinificazione". I sacerdoti "clandestini" sono costretti a concelebrare con i vescovi "ufficiali" gestiti dal governo e sono quindi fotografati. In questa ondata di conversione di sacerdoti "clandestini", la provincia di Hebei è la più colpita, infatti aveva dato molte vocazioni religiose e sacerdotali in passato.

 

 

Per quanto riguarda la situazione dei vescovi cinesi, l'esperto vaticanista italiano Sandro Magister ha osservato il 15 novembre sul suo blog che «la cosa più sorprendente è il silenzio impressionante da parte dei più alti funzionari della Chiesa che accompagna la loro via crucis . Un silenzio non solo pubblico, come potrebbe spiegare la cautela, ma soprattutto privo di qualsiasi gesto di prossimità o sostegno che possa essere espresso in modo riservato. Tutto questo nel silenzio non meno assordante di molti media cattolici, in particolare di quelli più vicini a Papa Francesco. Questo è ciò che Padre Bernardo Cervellera del Pontificio Istituto di Missioni Estere, a capo dell'agenzia AsiaNews, denuncia nel suo editoriale del 13 novembre, dove si indegna dell'ennesimo arresto, negli ultimi giorni, di uno dei vescovi più eroici nel suo rifiuto di sottomettersi al regime comunista cinese».

Messa nella cattedrale dell'Immacolata concezione a Pechino.

Citiamo qui degli ampi passaggi di questo editoriale di P. Cervellera: «Le informazioni sul quinto arresto in due anni di mons. Peter Shao Zhumin, vescovo di Wenzhou, sono passate sotto silenzio. Fatta eccezione per alcuni media spagnoli e inglesi e alcuni rari siti italiani diversi da AsiaNews, sembrerebbe che il fatto di sottoporre a decine di giorni di indottrinamento, come al tempo della Rivoluzione Culturale, a un vescovo la cui rettitudine e il coraggio sono molto conosciuti in Cina, non sia un' informazione degna di interesse ma piuttosto qualcosa di imbarazzante che è meglio tacere. (...)»

 

«Nel caso del vescovo di Wenzhou, non si tratta di fondamentalisti musulmani ma di fondamentalisti dell' "indipendenza": vogliono convincere questo vescovo che appartenere all'Associazione patriottica, che mira a costruire una Chiesa "indipendente" dalla Santa Sede, sarebbe una buona cosa per lui, per la Chiesa e per il mondo. (...) Ma l'appartenenza all'Associazione patriottica è incompatibile con la dottrina cattolica. Tanto più che l'appartenenza all'AP è molto limitante per la vita di un vescovo: controlli 24/24, verifiche e domande di permessi per visite pastorali e per ricevere ospiti, requisizioni di settimane e mesi per partecipare a conferenze di indottrinamento sulla generosità della politica religiosa di Pechino».

 

«Penso che il silenzio dei media - e in particolare dei media cattolici - sia principalmente causato dalla vergogna. Qualche mese fa, il 22 settembre, tutti hanno elogiato l'accordo tra la Cina e la Santa Sede a tal punto da far credere che tutto sarebbe andato per il meglio. D'altra parte, ammettere che la Chiesa è ancora vittima di molti problemi di persecuzione in Cina costituisce un disconoscimento che è difficile ammettere, si può facilmente capire».

 

«Se aggiungiamo a questo arresto del vescovo anche le chiese chiuse e sigillate, le croci distrutte, le cattedrali rase al suolo, i santuari demoliti, il divieto imposto dalla polizia alle persone di età inferiore ai 18 anni di andare in chiesa o di assistere al catechismo, ci rendiamo conto di quanto l'accordo sulla nomina dei vescovi - come abbiamo detto in passato - sia positivo in quanto evita l'apparizione di vescovi scismatici, ma lascia invariata una situazione in cui l'AP e il Fronte Unito si considerano i veri leader della Chiesa in Cina (e non il Papa). Ciò è ulteriormente confermato dalla lezione che questi due corpi stanno facendo a sacerdoti e vescovi in ​​molte parti della Cina ripetendo loro che "nonostante l'accordo tra Cina e Vaticano", la Chiesa deve continuare ad essere "indipendente" dal Papa e dalla Santa Sede».

 

«Sfortunatamente, il fatto che questo accordo "provvisorio" rimanga segreto e non sia mai stato pubblicato consente alla Cina di dare una propria interpretazione. Il Fronte Unito e l'Autorità Palestinese costringono sacerdoti e vescovi a unirsi alla Chiesa "indipendente" sostenendo che "il Papa è d'accordo con noi", al punto che molti cattolici sotterranei sospettano amaramente che il Vaticano li abbia abbandonati nella tempesta».

 

«Alcuni cosiddetti "esperti " della Cina stanno cercando di minimizzare le persecuzioni sostenendo che riguarderebbero solo "pochi luoghi". In realtà, ci sono notizie di persecuzioni in molte aree: Hebei, Henan, Zehejiang, Shanxi, Guizhou, Mongolia interna, Xinjiang, Hubei ... Per non parlare di altri luoghi che non sono stati in grado di trasmettere le informazioni.

 

«Un'altra informazione riduttiva far credere che queste cose accadano alla periferia ma che al centro, a Pechino, vogliano davvero che l'accordo funzioni. Sta di fatto che lo scorso ottobre, dopo il congresso del Partito Comunista, il Fronte Unito e l'Autorità Palestinese sono sotto il diretto controllo del Partito: è praticamente impossibile che il centro - a cominciare da Xi Jinping, il segretario generale del partito - non sia a conoscenza di ciò che sta accadendo alla periferia, con fatti scandalosi che scuotono la comunità internazionale. (...)»

 

«Vale la pena ricordare un'ultima cosa: il vescovo Shao Zhumin è il vescovo di una Chiesa ora unificata in cui non vi è più divisione tra cattolici ufficiali e sotterranei, precisamente quella che papa Francesco chiedeva a gran voce nel suo Messaggio ai cattolici cinesi e alla Chiesa universale che è stato pubblicato pochi giorni dopo l'accordo. Eppure, l'Associazione patriottica, non contenta di aver sequestrato questo vescovo, arriva nei giorni scorsi a vietare ai preti "ufficiali" di riunirsi a pregare sulle tombe di preti e vescovi  "sotterranei". Questa è la prova che la divisione della Chiesa cinese non è voluta dai cattolici ma dal Partito Comunista. Questa politica, che dura da 60 anni, non sembra essere a favore dell'evangelizzazione della Cina, ma - come l'Associazione patriottica ha dichiarato molte volte in passato - è un passo verso l'eliminazione di tutti i cristiani».

 

Il 26 novembre Asianews ha pubblicato una lettera aperta della diocesi di Datong (Shanxi) in cui denunciava la crescente oppressione del governo nei confronti della comunità cristiana, a seguito del nuovo regolamento sulle attività religiose: le croci distrutte, le chiese abbattute, gli incontri ridotti, l'incapacità di procurarsi libri religiosi ... Dal 2005 la diocesi di Datong è senza vescovo. Mons. Taddeo Guo Yingong è stato l'ultimo vescovo, morto nel 2005 dopo 10 anni di lavori forzati durante la Rivoluzione Culturale (1966-1976). Decisamente, il comunismo rimane intrinsecamente perverso.