I misteri dolorosi del Santo Rosario

4 Maggio 2020
Fonte: Distretto d'Italia

1 mistero doloroso: la preghiera e l’agonia nell’orto degli ulivi

Guardiamo con attenzione, fratelli tutti, il buon pastore che per salvare le sue pecore sostenne la passione della croce. Le pecore del Signore l’hanno seguito nella tribolazione e persecuzione, nell’ignominia e nella fame, nella infermità e nella tentazione e in altre simili cose; e ne hanno ricevuto in cambio dal Signore la vita eterna. Perciò è grande vergogna per noi servi di Dio, che i santi abbiano compiuto queste opere e noi vogliamo ricevere gloria e onore con il semplice raccontarle!“ (San Francesco d’Assisi)

2 mistero doloroso: la flagellazione..

„Gesù vuole che le gioie le più belle si cambino in sofferenze, perché non avendo, per così dire, nemmeno il tempo di respirare a nostro piacimento, il nostro cuore si rivolga verso lui che solo è il nostro sole e la nostra gioia. I miei desideri di martirio non sono nulla; non sono quei desideri che mi danno la fiducia illimitata che sento nel cuore. A dire il vero, sono ricchezze spirituali che rendono ingiusti quando ci si riposa in esse con compiacenza e si crede che siano qualcosa di grande... Questi desideri sono una consolazione, che Gesù talvolta accorda alle anime deboli come la mia (e queste anime sono numerose); ma quando non dona questa consolazione, si tratta di una grazia di elezione. Ricordi queste parole del Padre Pichon: I martiri hanno sofferto con gioia, e il Re dei martiri ha sofferto con tristezza. Sì, Gesù ha detto. Padre mio, allontana da me questo calice" (Santa teresa d’Avila)

3 mistero doloroso: la coronazione di spine

„Crudeli e disumani, i soldati trasformano in sollazzo e piacere gli oltraggi cui sottopongono Gesù… e gli oltraggi sono i più vari: essi uomini scellerati e sacrileghi ora colpiscono il suo capo divino, ora lo disonorano con la corona di spine, ora lo percuotono con la canna. Ditemi: quale giustificazione potremo noi addurre se ci adiriamo ancora quando veniamo offesi dopo che Cristo ha sofferto tutto questo? Difatti è l’estremo limite della violenza che viene fatto subire a Gesù. Non maltrattano infatti una sola parte ma tutto il suo corpo, l’intero corpo che viene flagellato, spogliato e rivestito di un manto. (San Giovanni Crisostomo)

4 mistero doloroso: la salita al Calvario

„In tutte queste pene mi pareva di accompagnare Gesù nella notte della sua santissima Passione e Lui mi rendeva partecipe die suoi meriti e mi invitava a più patire. Comprendevo con che sentimento Lui patì e quali virtù esercitò. Mi fermavo in questi punti: Chi era Colui che soffriva, perchè soffriva e con che amore soffriva. Ed io creatura così ingrata non ho mai corrisposto a tanto amore! Qui sì che mi sentivo passare il cuore dal dolore.“ (Santa Veronica Giuliani)

5 mistero doloroso: crocifissione e morte di Gesù Cristo

„Soffri, ma rassegnata, perché la sofferenza non è voluta da Dio se non per la Sua gloria e per il tuo bene: soffri, ma non temere perché la sofferenza non è castigo di Dio, sebbene un parto di amore che vuole renderti simile al Figlio Suo; soffri, ma credi pure che Gesù stesso soffre in te e per te e con te e ti va associando nella Sua Passione e tu in qualità di vittima devi pei fratelli quello che ancora manca alla passione di Gesù Cristo. Ti conforti il pensiero di non essere sola in tale agonia, ma bene accompagnata; altrimenti come potresti volere ciò che l’anima fugge e spaventarti di non potere pronunciare il Fiat? Come potresti “voler amare” il Sommo Bene? (Padre Pio da Pietrelcina)