In Irlanda del nord, la Chiesa condanna la legge sull'aborto

4 Gennaio 2020
Fonte: fsspx.news
Mons. Eamon Martin, primate d'Irlanda.

I vescovi dell'Irlanda del Nord hanno beneficiato della consultazione avviata dal parlamento britannico con la società civile irlandese, a seguito della legge sull'aborto imposta da Londra lo scorso ottobre. Hanno risposto con una vigorosa protesta.

Il nuovo schema legislativo - che legalizza anche le unioni civili tra persone dello stesso sesso - era stato adottato dal parlamento britannico a Westminster, dato il posto vacante del governo dell'Irlanda del Nord da gennaio 2017.

Una legge cattiva non è una legge


I vescovi iniziano ponendo le basi per la loro protesta: "Una legge civile che legittima l'assassinio diretto e intenzionale di esseri umani innocenti attraverso l'aborto non tiene conto del loro inviolabile diritto alla vita. Cercando di stabilire regole e procedure per facilitare l'assassinio di bambini non ancora nati, la società esistendo per proteggerli e prendersene cura, tale legge mina il bene comune e l'uguaglianza di tutte le persone davanti alla legge. Di conseguenza, questa legge non può essere considerata come avente autentica validità legale o forza morale vincolante".

"Per questo motivo, noi vescovi cattolici dell'Irlanda del Nord, desideriamo chiarire che la nuova legge sull'aborto, istituita ai sensi delle disposizioni di legge sull'Irlanda del Nord del 2019, è una legge ingiusta. Di conseguenza, nessuno è obbligato in coscienza a cooperare in qualsiasi azione autorizzata da questa legge che conduca direttamente e intenzionalmente all'omicidio di un nascituro. In effetti, tutti sono moralmente obbligati ad opporsi a questa legge con l'obiezione di coscienza".

La posizione è inequivocabile. Tuttavia, sarebbe stato più giusto e più forte ricordare che la legge naturale citata qui si basa sulla legge divina: deve essere ricondotta a Dio che ce l'ha data.

Obiezione di coscienza


Come conseguenza diretta, i vescovi chiedono l'obiezione di coscienza per tutti coloro che si oppongono a questo crimine, ricordando che "sono consapevolmente obbligati a non cooperare formalmente ai servizi di aborto, anche se il diritto civile lo consente". Ne approfittano per ricordare che questa obiezione esiste nella legge britannica dal 1990.

Estendono questa obiezione ai farmacisti, sia quelli che lavorano negli ospedali sia quelli che praticano in farmacia. E sostengono addirittura che un medico non può indirizzare nessuno a un altro operatore nella Sanità che praticherebbe l'aborto, stimando che questa sarebbe una cooperazione illecita.

Infine, chiedono protezione per tutti gli obiettori, in modo che non siano soggetti a pressioni, né che siano esclusi da determinate carriere.

Un piano sociale


I vescovi aggiungono anche, anche se non sono consultati su questo punto, che i servizi dovrebbero piuttosto essere istituiti per incoraggiare le donne a continuare la gravidanza attraverso vari aiuti. È noto che vari fattori influenzano la decisione di abortire: pressioni da parte di chi le circonda, persino minacce, povertà, difficoltà d'alloggio, ignoranza delle conseguenze.

Sottolineano inoltre che il documento non menziona i rischi insorti, a breve o lungo termine, mentre questi sono sempre più noti, come la sindrome post-aborto che porta a vari disturbi mentali e persino psichiatrici.

Una soluzione politica in vista?


Londra terrà le redini della politica regionale per molto tempo? Non è sicuro: nelle elezioni legislative del 12 dicembre 2019, il popolo irlandese del Nord, per la prima volta, ha eletto più deputati nazionalisti repubblicani che deputati unionisti (per il mantenimento nel Regno Unito). Questo apre la strada a un referendum per la riunione delle due Irlande.

Tuttavia, questa unione non risolverebbe nulla per l'aborto, al contrario. In effetti, mentre, allo stato attuale, i partiti dell'Irlanda del Nord - tutti generalmente contrari all'aborto - possono ancora tentare di bloccare i decreti delle forze dell'ordine; in caso di riunione, invece, va ricordato che l'Irlanda del Sud o Eire ha approvato una legge sull'aborto il 13 dicembre 2018 ...