La Chiesa cattolica in declino nel mondo occidentale

27 Dicembre 2019
Fonte: fsspx.news
Vaticano II, il concilio che ha svuotato la Chiesa

Se il numero di fedeli cattolici aumenta in valore assoluto, come mostrato dall'ultimo sondaggio pubblicato dall'agenzia Fides (vedi DICI n ° 390, novembre 2019), l'analisi delle situazioni locali rimane allarmante per il cristianesimo, specialmente nei paesi occidentale.

 

Negli Stati Uniti


L'ultimo sondaggio del Pew Research Center di Washington (Stati Uniti), pubblicato questo autunno, rivela che i cristiani di tutte le fedi sono cresciuti dal 78% della popolazione nel 2007 al 65% nel 2019. Allo stesso tempo, quelli che di dichiarano atei, agnostici o senza religione è passato dal 16% al 26%. I cristiani che hanno riferito di aver partecipato alla messa o ad altri servizi almeno una volta al mese sono passati dal 54% al 45%. Mentre quelli che hanno riferito di averlo fatto solo poche volte in un anno o mai, ad eccezione di matrimoni e funerali, sono aumentati dal 45% al ​​54%.

Questo declino della pratica religiosa colpisce sia gli uomini che le donne, i bianchi come i neri e gli ispanici, tanto quelli con una laurea e quelli meno istruiti.

Soprattutto l'età e la tendenza politica segnano una grande differenza. I nati negli anni ottanta e all'inizio degli anni novanta e quelli che votano per il Partito Democratico sono i cittadini americani che subiscono il calo maggiore nella pratica.

Tra i cittadini ispanici americani, i cattolici erano in maggioranza dieci anni fa, con il 57%. Oggi sono meno della metà, ovvero il 47%.

La regione in cui la caduta dei cattolici americani è più pronunciata è il nord-est, dove sono passati dal 36% al 27% della popolazione negli ultimi dieci anni.

In Argentina


Secondo uno studio pubblicato dal Consiglio nazionale per la ricerca scientifica e tecnica della Repubblica Argentina (Conicet), il numero di cattolici nel paese di Papa Francesco è diminuito del 13% tra il 2008 e il 2019. Lo studio condotto su un campione rappresentativo di 2.421 persone specifica che il 62,9% dei 45 milioni di argentini si considera cattolico. Rappresentavano il 76,5% della popolazione nel 2008.

Le persone che hanno indicato di non avere una religione costituiscono attualmente il 18,9% della popolazione, contro l'11,3% nel 2008. Lo studio Conicet sottolinea che il numero di fedeli delle Chiese evangeliche è passato dal 9% al 15,3 % in undici anni.

Lo studio rileva che "le speranze suscitate dall'elezione di papa Francesco nel marzo 2013 sono state disattese". L'82% degli intervistati ha confermato che questa elezione "non hanno avuto alcun impatto sulla propria religiosità" e solo l'8% ha dichiarato di aver "rafforzato le proprie credenze religiose". Secondo gli autori dello studio, la figura di Papa Francesco non è "un fattore unificante", ma piuttosto una divisione nel suo paese. Se più di un quarto degli intervistati (27,4%) ritiene che il Santo Padre sia una "autorità mondiale" nel "denunciare situazioni di ingiustizia sul pianeta", un numero simile (27%) dei suoi compatrioti ritiene che il Sommo Pontefice sia "troppo coinvolto nella politica" e che "impedisca la sua funzione spirituale".

Lo studio del Conicet illustra anche una grande interruzione generazionale. Tra gli abitanti di 65 anni e più, la percentuale di cattolici rimane piuttosto elevata (81,5%). Ma scende al 52,5% tra le persone dai 18 ai 29 anni, rappresentando il 57,4% tra le persone tra i 30 ei 44 anni. Il "senza religione" è quindi aumentato del 25% tra i giovani dai 19 ai 29 anni.

La ricerca rivela anche disparità regionali. Vi è quindi una maggiore presenza di coloro che si identificano come "senza religione" nella regione di Buenos Aires, la capitale, dove la quota di cattolici è una delle più basse del Paese (56,8%). Per gli autori dello studio, questo declino è spiegato dall' "effetto secolarizzazione" che colpisce in particolare il capitale.

In Italia


Anche in Italia, i cattolici sono in declino, come mostra l'ultimo sondaggio IPSOS pubblicato a novembre 2019. Il numero di cattolici praticanti - che frequentano le funzioni religiose almeno una volta alla settimana - è passato dal 21% al 14%  della popolazione in 10 anni. 

Al contrario, il numero di coloro che si definiscono non credenti è quasi raddoppiato, dal 14% al 27% degli italiani, con picchi più elevati tra i giovani: il 46% dai 18 ai 24 anni e il 39% dai 25 ai 34 anni - e tra gli strati più attivi e istruiti, soprattutto nel nord del paese.

Alle elezioni europee nella primavera del 2019, il movimento politico più restrittivo sulla questione dell'immigrazione, la Lega Nord, è stato il partito più acclamato dai cattolici praticanti, sia dagli assidui con il 32,7%, che dagli  occasionali con il 38,4%, contro il 18,9% tra i non credenti.

"Anche se la Chiesa e il Papa si sono chiaramente e vigorosamente espressi a favore di una politica di accoglienza aperta (...)" dei migranti "il sentimento che prevale anche tra i cattolici più assidui è il sostegno a politiche più restrittive", ha affermato il sondaggio.

In Svizzera


In Svizzera, l'Istituto svizzero di sociologia pastorale (SPI) ha pubblicato, il 26 novembre 2019, i risultati delle statistiche ecclesiali per il 2018. Prende atto di un aumento significativo del numero di abbandono della Chiesa: 25.366 nel 2018, vale a dire un quarto più dei 20.014 registrati nel 2017.

L'indagine rivela anche cambiamenti comportamentali da parte dei membri della Chiesa. Dagli anni '90, c'è stato un calo del numero di matrimoni cattolici. Negli ultimi cinque anni è diminuito del 20%. Nel 2018, solo 3.200 unioni sono state celebrate in chiesa. Dal 2013, il numero di battesimi nelle cosiddette famiglie cattoliche è diminuito in Svizzera dell'11%. La diocesi di Basilea (62% delle famiglie cattoliche) e la diocesi di Sion (65%) rientrano in questa stima, a differenza della diocesi di Losanna, Ginevra e Friburgo, dove il fenomeno della diminuzione è ancora più diffuso, poiché solo un bambino in due, nato in una famiglia di origine cattolica, è stato battezzato nel 2018.

Eppure, il numero di ammissioni è aumentato nel 2018 all'interno della Chiesa cattolica, riferisce l'Istituto svizzero di sociologia pastorale. Tuttavia, questo non specifica se si tratta del numero di battesimi o del ripristino dei membri nella Chiesa.

Analisi sociologica


"L'abbandono delle Chiese è un fenomeno diffuso in tutta la regione occidentale", ha affermato Jörg Stolz, professore di sociologia delle religioni all'Università di Losanna. "Un tempo si pensava che gli Stati Uniti fossero l'eccezione, ma gli ultimi dati confermano che la situazione è la stessa di quella europea o australiana".

L'accademico osserva che il profilo tipico della persona che esce dalla Chiesa è "un giovane, con uno stile di vita urbano, che non sente un legame particolare con la religione": una categoria della popolazione che tende a crescere nei paesi occidentali. "Queste persone di solito decidono di lasciare l'istituzione dopo una causa scatenante. Può accadere quando si rendono conto che stanno pagando le tasse ecclesiastiche quando si sentono in conflitto con un punto morale o quando scoppia uno scandalo ".

Secondo il sociologo, "le Chiese stanno già facendo molto" per migliorare la loro "offerta", per rendersi più attraenti e più vicini alle persone. "Ma ci sono serie tendenze legate alla secolarizzazione. Abbiamo già osservato dal XIX secolo che ogni generazione è un po 'meno religiosa della precedente. È probabile che continui".

Jörg Stolz osserva che questo è essenzialmente un problema di identificazione: le persone non si sentono più legate a una comunità religiosa. "In definitiva, la disaffiliazione è solo una concretizzazione del già efficace stato di allontanamento dalla religione", ha concluso. - Questa è la conseguenza concreta dell'indifferentismo e del secolarismo delle società moderne che hanno respinto Dio dalla vita sociale e politica.