Nessun Natale a Betlemme per i cristiani di Gaza

24 Dicembre 2019
Fonte: fsspx.news

Le poche migliaia di cristiani nella Striscia di Gaza non potranno recarsi a Betlemme per celebrare la nascita del Salvatore: così lo Stato ebraico ha deciso il 12 dicembre 2019.

Le autorità israeliane hanno infatti decretato che i cristiani palestinesi potranno solo ricevere permessi per andare all'estero passando attraverso la Giordania, ma che nessuno di loro potrà andare in Israele o in Cisgiordania per festeggiare il Natale nei luoghi santi.

Uno dei portavoce dell'esercito responsabile delle relazioni con i palestinesi ha giustificato la misura per motivi di sicurezza. Un nuovo sopruso per i cristiani di Gaza, ai quali era già stato rifiutato, nell'aprile 2018, l'accesso di Gerusalemme per le festività di Pasqua.

Inoltre, di fronte a un'evidente mancanza di prospettive, per non parlare delle deplorevoli condizioni di vita, l'emigrazione sembra essere l'unica soluzione.

“In 15 anni abbiamo perso oltre il 70% della popolazione cristiana di Gaza, spiega padre Mario Da Silva sul posto. Nel 2003 e nel 2004, c'erano circa 4.500 cristiani a Gaza; oggi i numeri sono circa 900-1000 cristiani ", ha detto.

Per confortare i fedeli, l'amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme è andato a trascorrere tre giorni, dal 13 al 15 dicembre, nella Striscia di Gaza.

Nonostante questa ennesima vessazione da parte delle autorità israeliane, "il Bambino Gesù verrà ancora a casa nostra", confida all'agenzia Fides un cristiano di Gaza.