Nuova profanazione della cattedrale di Vienna con approvazione del cardinal Schönborn

5 Dicembre 2019
Fonte: fsspx.news

Gli anni passano e lo scandalo si rinnova: per il terzo anno consecutivo, il cardinale Schönborn, arcivescovo di Vienna, ha autorizzato l'associazione Life +, pro-LGBT, a utilizzare la cattedrale di Saint-Etienne durante un concerto, sabato 30 novembre.

Alcuni sosterranno che dobbiamo vedere le cose in prospettiva. I fondi raccolti per il concerto sono destinati alla lotta contro l'AIDS. Lo spettacolo è sponsorizzato dai Cavalieri di Malta d'Austria e il denaro andrà ad un ospedale affiliato all'Ordine di Malta, guidato dalla Confraternita del Beato Gerardo. L'ospedale, situato nella regione sudafricana di KwaZulu-Natal, si prende cura di circa 700 pazienti, principalmente donne e bambini, che sono affetti dall'HIV.

Ma in buona morale, il fine non giustifica i mezzi, e in questo caso i mezzi sono caso abominevoli ed esecrabili.

 

Il luogo santo profanato

La cattedrale è stata trasformata in una sala da concerto come un volgare teatro . Coloro che si sono esibiti sul "palcoscenico" - come "Conchita Wurst", un travestito - erano attivisti e simpatizzanti del movimento LGBT. Gli è stata così data una tribuna in una cattedrale cattolica. E canzoni di cui si può immaginare il contenuto sono risuonate sotto queste volte consacrate dalla Chiesa per il culto di Dio. Il luogo santo, sede del rinnovamento del Sacrificio della Croce, è stato trasformato in una sala da concerto.

 

Ciò che è incomprensibile è come il vescovo Schönborn non sia in alcun modo toccato dall'esperienza degli anni passati. Nel 2018, per questo stesso "concerto di beneficenza", un attore che ha familiarità con ruoli omosessuali si è esibito, mezzo nudo, sull'altare - ossia il "tavolo" della nuova Messa - in mezzo ad altri attori travestiti da demoni. In che modo un sacerdote degno di questo nome può celebrare la Santa Messa in questo luogo senza richiedere almeno una cerimonia riparatrice?

 

Con il suo atteggiamento, il cardinale invia un messaggio chiaro che può essere tradotto come: «Vai e continua a peccare». Lo ha detto con le sue parole di benvenuto e incoraggiamento: «Dio non vuole che nessuno si senta escluso, vuole che tutti si sentano al sicuro». Il cardinale ha anche sottolineato che non voleva solo accogliere i partecipanti e i visitatori dell'evento di beneficenza come «ospiti» ma che: «Siamo tutti a casa in questa cattedrale».

 

Il cardinale Schönborn, al centro.

Lo scandalo è tanto più grave perché viene dall'alto

Ciò dimostra ancora una volta quanto la nuova liturgia abbia profanato i luoghi sacri, non solo l'arredo liturgico, ma anche la pietà cattolica, il senso comune e le reazioni di fede tra chierici e fedeli. Non sono più in grado di reagire bene agli spettacoli ignominiosi che banalizzano e incoraggiano i peccati contro natura.

 

La negazione delle verità rivelate è certamente un peccato terribile, ma gli atti hanno spesso un impatto molto maggiore sulla folla. Pertanto, la giornata interreligiosa di Assisi è stata, nel 1986, uno scandalo più formidabile dei testi del Vaticano II che l'hanno resa possibile. Il cardinale Schoenborn, con queste ripetute collaborazioni con atti sacrileghi, commette uno scandalo di cui i suoi fedeli sono le prime vittime e delle quali dovrà rispondere davanti a Dio.

 

Avvertito di ciò che stava accadendo, un gruppo di fedeli, tra cui Alexander Tschugguel, famoso per aver gettato gli idoli di Pachamama nel Tevere, si è riunito per pregare fuori dalla cattedrale. Il concerto è stato anche denunciato da mons. Carlo Maria Viganò in un messaggio reso pubblico.