Regno Unito: la Bibbia condannata

18 Ottobre 2019
Fonte: fsspx.news
Dottor David Mackereth.

Un tribunale britannico ha respinto l'appello di un medico sanzionato per il suo rifiuto di usare per principio un vocabolario derivato dall'ideologia del "gender" con i suoi pazienti, in nome della fede cristiana. A loro giudizio, i magistrati hanno dichiarato che l'insegnamento della Bibbia era "incompatibile con la nozione di dignità umana" (sic!).

Il Dr. David Mackereth esercita la sua professione da diversi anni per conto del UK’s Department for Work and Pensions (DWP). Si trova nelle Midlands, nel centro dell'Inghilterra. Nel 2018, il suo ministero di vigilanza decide di licenziarlo per colpa grave.

 

Il suo crimine: la risposta data a una domanda posta durante un'ispezione. Ecco la domanda: "Cosa faresti se dovessi valutare qualcuno che è palesemente un uomo, alto 1,80 m e con la barba, ma che chiede di essere chiamato 'signora' o 'signorina '?". David Mackereth rispose che da cristiano non sarebbe stato in grado di chiamare "signora" o "signorina" un "ragazzone grande e barbuto".

 

Dopo il licenziamento, il dottore ha portato il caso in tribunale a Birmingham; invano, dato che è stato respinto. In una società apostata che ha rinunciato a tutte le leggi morali e al buon senso, questa decisione non è probabilmente una sorpresa. Ma a dare maggior scandalo rimane la motivazione della sentenza del tribunale di Birmingham.

 

Come riportato dalla BBC il 2 ottobre 2019, i magistrati affermano che "la fede nell'insegnamento trovato nella Bibbia (Genesi 1:27), così come il fatto di non credere nella 'transgenerità' e di opporvisi con l'obiezione di coscienza è, a nostro avviso, incompatibile con la dignità umana e i diritti fondamentali degli altri, in questo caso particolare, le persone transgender".

 

In altre parole, la Sacra Scrittura e la condotta cristiana sono tacciate di discriminazione, questo nuovo crimine inventato dagli ideologi del presente. Il libro della Genesi riporta infatti: "Dio creò l'uomo a sua immagine, lo creò a immagine di Dio, maschio e femmina li creò".

 

"Questa è una decisione allarmante, un vero sconvolgimento per i cristiani che sono pronti a dire che siamo stati tutti uomini e donne", ha detto Andrea Wiliams, direttore del Christian Legal Center (CLC), che rappresenta il Dr. Mackereth davanti alla legge.

 

Quest'ultimo ha dichiarato di "sentirsi costretto a ricorrere in appello - come consente la legge - contro una decisione che, se confermata, avrebbe gravi conseguenze per la pratica della medicina nel Regno Unito".