La vita nuova del battezzato nei salmi (1)

Fonte: FSSPX Attualità

La Chiesa nella sua liturgia manifesta la sua gioia durante il periodo pasquale ripetendo costantemente nella sua preghiera la parola "alleluia" che significa in ebraico "gloria a Yahweh", "gloria a Dio". Glorifica Dio che ebbe misericordia dell'uomo riscattandolo dai suoi peccati e permettendogli di ritrovare la strada per tornare in Paradiso.

Per rallegrarci in questo periodo pasquale insieme alla Madonna, alle sante donne, agli Apostoli e a tutti gli altri testimoni della risurrezione di Cristo, contempliamo il piano di salvezza e vediamo quale meravigliosa trasformazione avviene nell'anima dei battezzati, grazie alla morte e alla risurrezione di Gesù Cristo.

L'origine della nuova vita del battezzato

Redenzione: la nuova alleanza

Il piano di salvezza fu riassunto in modo sublime dal Salmista quando, con uno sguardo di fede sul futuro, annunciò: "Il Signore ha mandato la redenzione al suo popolo. Ha stretto un'alleanza eterna con lui" (Sal 110, 9). Per comprendere il significato di questa profezia, è importante comprendere il significato dei due termini: redenzione e alleanza.

La parola redenzione significa riscatto. Implica che l'uomo, che viveva in compagnia di Dio nel paradiso terrestre, si è venduto al diavolo venendo sedotto da lui. Si è consegnato al diavolo commettendo il peccato originale. Da allora, è caduto nella schiavitù di Satana. Ma Dio nella sua grande misericordia ebbe pietà di lui. Volle riscattarlo. Questo è ciò che Zaccaria, padre di San Giovanni Battista, canterà, componendo il bellissimo cantico del Benedictus: "Benedetto il Signore Dio di Israele, poiché visitò e operò la redenzione del suo popolo" (Lc 1, 68). Dio operò la redenzione del suo popolo, vale a dire il suo riscatto e il prezzo da pagare era il sangue di suo Figlio, Gesù Cristo.

Il Salmista unisce il termine di redenzione a quello di alleanza. L'alleanza implica un impegno reciproco; qui in questo caso, è un'alleanza di amore. L'alleanza designa il frutto dell'amore di Dio per l'uomo e, a sua volta, attende l'amore dell'uomo per Dio. Se Dio si è incarnato, è per amore dell'uomo ed è allo scopo di contrarre con lui una nuova alleanza, essendo stata siglata la prima sotto Mosè. Questa seconda alleanza fu operata da Gesù Cristo sulla croce quando offrì la sua vita per la salvezza dell'umanità, e si rinnova ogni giorno sull'altare durante il santo sacrificio della Messa, al momento della consacrazione. Mentre consacra il prezioso sangue, il sacerdote pronuncia queste toccanti parole: "Questo è il calice del mio sangue, della nuova ed eterna alleanza, mistero della fede, versato per voi e per molti in remissione dei peccati". La Chiesa unisce nelle sue preghiere il termine "sangue", che era all'origine della nostra redenzione, e quello di "alleanza". Il sangue implica il sacrificio e l'amore dell'alleanza. Quindi, quaggiù, non c'è vero amore senza sacrificio. In effetti, la prima alleanza sotto Mosè era già un'alleanza d'amore e anch'essa aveva avuto luogo durante un sacrificio, un sacrificio cruento, figura del sacrificio di Cristo. Mosè aveva preso un ramoscello di issopo, che aveva immerso nel sangue dei tori, e vi aveva asperso il popolo dicendo: "Ecco il sangue dell'alleanza che Dio ha fatto con te a condizione che tu mantenga tutti i suoi comandamenti" (Es 24, 4-8).

Nella nuova alleanza troviamo il sangue, quello di Gesù Cristo, vero Dio e vero uomo. Gesù ha versato il suo sangue per noi e si aspetta in cambio che ci sottomettiamo a lui con tutto il cuore e che pratichiamo la carità fraterna, da qui il nuovo comandamento che ha dato ai suoi Apostoli la sera del Giovedì Santo: "Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi" (Gv 15, 12).

Dio voleva associare un impegno reciproco alla sua alleanza e sigillare questo impegno durante un sacrificio. Pertanto, i termini di alleanza, impegno e sacrificio sono intimamente collegati.

È bello notare che il grande mistero della salvezza e il suo meraviglioso frutto, vale a dire la nuova alleanza tra Dio e gli uomini, sono già annunciati da questa profezia del Salmista che abbiamo appena spiegato: "Il Signore ha mandato la redenzione alla sua gente. Ha stretto un'alleanza eterna con lui" (Sal 110, 9).

Per beneficiare della salvezza portata da Dio all'uomo nella persona di suo Figlio Gesù Cristo, la prima disposizione che l'uomo deve acquisire è l'umiltà. Dio si lascia attrarre dalle anime umili, come nel Salmo 112: "Chi è come il Signore nostro Dio, che abita nei luoghi più alti e che abbassa lo sguardo verso i più umili nel Cielo e sulla terra? Rialza il bisognoso dalla polvere e solleva il povero dallo sterco per collocarlo con i principi, con i principi del suo popolo" (Sal 112, 5-8).

Per aiutare a realizzare la sublime trasformazione in atto nell'anima del battezzato e il suo grado di elevazione per grazia, il salmista ricorre alla doppia immagine di un povero posto su un mucchio di letame e un principe che domina la sua gente. L'uomo, redento dal sangue di Cristo, riceve con il battesimo l'immensa grazia di abbandonare la schiavitù del diavolo e il fango del peccato per diventare un figlio di Dio. Diventando membro della Chiesa, viene strappato dagli artigli del diavolo ed elevato al rango di un amico di Dio. Diventa quindi un potenziale erede del regno dei Cieli. L'unzione del santo crisma sulla fronte del battezzato simboleggia questa dignità del cristiano. Noblesse oblige! Il battezzato è chiamato d'ora in poi a condurre una vita conforme alla sua dignità. Ecco come per lui, usando la bella espressione di Papa San Leone, "servire Dio è regnare". Questi sono i meravigliosi frutti della morte e risurrezione di Cristo.

L'agnello pasquale

Il passaggio dell'uomo dal dominio del diavolo a quello di Dio era già rappresentato nell'Antico Testamento. Gli Ebrei, dopo aver consumato l'agnello pasquale, lasciarono l'Egitto dove erano schiavi per raggiungere la Terra Promessa, immagine del Cielo (Ex 12). Il loro passaggio all'asciutto attraverso il Mar Rosso simboleggiava il passaggio di Nostro Signore dalla morte alla vita e il nostro passaggio dalla morte del peccato alla vita della grazia. Nostro Signore è il vero Agnello che ha dato la vita per le sue pecore (cfr Gv 10,11). San Giovanni Battista non lo ha forse designato come l'Agnello di Dio destinato a togliere i peccati del mondo (Gv 1, 29)? La magnifica sequenza del Victimae paschali esorta i fedeli a porre dei sacrifici di lode alla Santa Vittima designata sotto forma di Agnello: "Alla vittima pasquale, i cristiani sacrifichino la lode! L'Agnello ha redento le pecore; il Cristo innocente ha riconciliato i peccatori con il Padre". Nostro Signore è il vero Agnello, di cui l'agnello pasquale era la figura.

Durante l'ultima Pasqua, il Giovedì Santo, Nostro Signore ha consumato l'agnello pasquale alla presenza dei suoi Apostoli e alla fine del pasto, ha intonato il grande Allel, composto dai salmi da 112 a 116. Ora il salmo 113 racconta precisamente l'evento della liberazione degli ebrei dal giogo degli egiziani al tempo di Mosè e il loro ingresso nella Terra Promessa.

Il battesimo e la grazia figurano nei salmi

Nel Salmo 113, il salmista dipinge l'uscita dall'Egitto e il passaggio degli ebrei attraverso il Mar Rosso, poi quaranta anni dopo, l'attraversamento del fiume Giordano: "Quando Israele uscì dall'Egitto e la casa di Giacobbe da un popolo barbaro, […] il mare lo vide e fuggì; il Giordano si ritirò indietro" (Sal 113, 1-2). Qui vengono descritti due miracoli: l'apertura del Mar Rosso che consente agli ebrei di attraversarlo su terra asciutta e il suo richiudersi sugli egiziani, designati come popolo barbaro; poi l'apertura del Giordano quaranta anni dopo, permettendo agli ebrei di raggiungere la Terra Promessa, vale a dire la Giudea, figura del Cielo. Il primo miracolo mostra come il battesimo distrugge il peccato dell'uomo, simboleggiato dalla morte degli egiziani, e il secondo mostra come questo sacramento gli dia accesso al Cielo. Questo è il motivo per cui Cristo ha voluto che il suo battesimo avesse luogo nel fiume Giordano. In quel giorno, il cielo si aprì e la voce del Padre risuonò per mostrare chiaramente come il battesimo ci rende figli di Dio e ci dà l'opportunità di conquistare il Cielo.

Il Salmista continua la sua descrizione dicendo: "Il Dio di Giacobbe cambiò la pietra in torrenti d'acqua e la roccia in abbondanti fontane" (Sal 113, 8). Si riferisce qui ai miracoli prodotti nel deserto durante la preghiera di Mosè, quando infuriava una terribile siccità. Dio fece sgorgare acqua dalla roccia per placare la sete degli ebrei e dissetare gli animali. Questa acqua salvifica rappresentava l'acqua della grazia santificante che consente ai battezzati di vivere della vita divina depositata in loro al battesimo e saziare così la propria sete di beni soprannaturali. Nostro Signore infatti disse alla samaritana: "Chiunque beva l'acqua che gli darò non conoscerà mai più il tormento della sete, perché l'acqua che gli darò diventerà in lui ... una fonte di acqua sgorgante per la vita eterna" (Gv 4, 13-14).

Oltre al salmo 113, un altro salmo allude ancora più esplicitamente al battesimo: il salmo 28. Contiene queste parole misteriose: "La voce del Signore è stata ascoltata sulle acque" (Sal 28, 3). È una profezia del battesimo di Nostro Signore, secondo San Roberto Bellarmino. "Quando nostro Signore fu battezzato nelle acque del Giordano, Dio stesso annunciò a al mondo che Gesù Cristo era suo Figlio: questa "voce del Signore" sulle acque sarebbe quindi questa magnifica parola ascoltata al battesimo di Gesù Cristo: "Questo è il mio Figlio prediletto nel quale mi sono compiaciuto" (Mt 3, 17). Perché allora la maestà di Dio tuonò e il suo tuono risuonò sulla grande abbondanza di acque, e allora fu istituito il battesimo e alle acque di tutto il mondo fu dato il potere di rigenerare i figli di Dio".

La natura della nuova vita del battezzato

La liturgia pasquale è una liturgia battesimale. È proprio durante la Veglia pasquale che viene prodotta l'acqua battesimale, seguita dal rinnovamento delle promesse battesimali.

Il cattolico ha due vite: una vita naturale e una vita soprannaturale. La vita naturale è ciò che viene ricevuto alla nascita e che è comune a tutti gli uomini, e la vita soprannaturale è una vita che è al di sopra di ciò che la natura può produrre, una vita che può essere infusa solo da Dio e che comunica ai membri della sua Chiesa. Questa seconda vita è conferita all'anima attraverso il battesimo. Nostro Signore ne parlò a Nicodemo, questo nobile giudeo che venne a parlargli di religione. Nostro Signore gli disse: "In verità, in verità ti dico che nessuno, a meno di nascere nuovamente, può vedere il Regno di Dio" (Gv 3, 3). Il divin Maestro parla qui esplicitamente di una seconda nascita e sostiene la sua affermazione con tutta la sua autorità dicendo: In verità, in verità ti dico. A Nicodemo, non capendo ciò che gli si insegnava, Gesù ripetè ciò che gli aveva appena detto dando nuovi dettagli: "In verità, in verità ti dico che nessuno, a meno che non sia nato dall'acqua e dallo Spirito Santo, può entrare nel Regno dei Cieli. Ciò che nasce dalla carne è carne, ciò che nasce dallo Spirito è Spirito" (Gv 3, 5-6). Qui, Nostro Signore afferma che questa nuova nascita è spirituale. Viene dall'acqua e dallo Spirito Santo. San Pietro a sua volta sviluppa la stessa idea per i suoi fedeli: "Siete stati seminati con un seme che non è corruttibile ma incorruttibile, da una Parola viva e permanente" (1 Pietro 1:22, 23). San Pietro qui parla di semi incorruttibili. Quindi il frutto della nascita comunicato al battesimo è un seme divino che è stabilmente nell'anima anche se l'uomo può - ahimè! - perderlo per peccato mortale. La Chiesa dà a questo seme il nome di "grazia santificante" per dimostrare che è un dono gratuito di Dio e per far capire che rende santo l'uomo, vale a dire gradito a Dio. La grazia santificante è quindi un seme divino depositato nell'anima del giusto che lo rende "partecipe della natura divina". Questa espressione molto forte è ancora di San Pietro (2 P 1, 4).

Questa è la vita di cui parlava il Salmista quando disse alla fine del Salmo 113 che noi abbiamo commentato: "Non sono i morti che loderanno te, Signore, né tutti quelli che scenderanno all'inferno. Ma noi che viviamo, benediciamo il Signore, ora e in tutti i secoli" (Sal 113, 17-18). San Giovanni Crisostomo lo interpretò così: "I morti di cui parla il Salmista non sono quelli che hanno lasciato questa vita, ma quelli che sono morti nella loro malvagità o che hanno vissuto nel crimine. Con "Noi che viviamo" si deve intendere come chi trascorre la vita praticando la virtù.

"Ora e in tutti i secoli". Vedete qui una nuova prova di questa interpretazione, vale a dire che il Salmista vuole parlare di coloro la cui vita è stata una un susseguirsi di buone opere. Perché nessuno sulla terra vive nei secoli dei secoli, è il privilegio esclusivo di coloro che meritano la vita gloriosa ed eterna. Gli eletti hanno così il privilegio di vivere negli splendori della gloria e, in unione con le potenze dei cieli, cantano a Dio inni spirituali. Vogliamo condividere questa gioia? Viviamo quaggiù quella stessa vita e otterremo anche noi questa ricompensa privilegiata".

Padre Patrick Troadec

Continua...