Il clero opposto al celibato sacerdotale ha il vento in poppa

Fonte: FSSPX Attualità

Mentre l'esortazione post-sinodale sul sinodo panamazzonico è prevista per mercoledì 12 febbraio, il suo contenuto è già oggetto di commenti. La questione centrale è quella dell'ordinazione degli uomini sposati, i viri probati.

 

Se è inutile segnalare le voci di corridoio, è comunque possibile notare che il danno è stato fatto. Riaprendo questo problema e permettendogli di essere discusso e infine messo ai voti durante il Sinodo sull'Amazzonia, papa Francesco ha già dato fuoco alle polveri. Bisogna solo considerare le ripercussioni in tutto il corpo ecclesiale, lontano dall'Amazzonia, per avere la prova.

Il più recente di questi sconvolgimenti ha avuto luogo in Austria. Non è un caso che nell'ambiente germanofono - Germania, Svizzera tedesca in particolare, Austria - si agitino forze determinate ad attingere all'acqua dell'Amazzonia. Movimenti secolari come "We are the Church" chiedono da decenni il matrimonio dei sacerdoti e l'ordinazione delle donne. Non si arrenderanno ora.

Un nuovo vescovo per la Carinzia

Il vescovato di Klagenfurt-Gurk copre l'intera provincia meridionale della Carinzia. Ha un nuovo vescovo dal 3 dicembre, nella persona di mons. Josef Marketz, che ha ricevuto la consacrazione episcopale il 2 febbraio. Non è passato molto tempo prima che esprimesse la sua posizione sulla questione del celibato sacerdotale. Interrogato il giorno successivo su un canale televisivo locale, poi alla radio, ha espresso la sua opinione su questo punto.

Innanzitutto, ha chiarito che non voleva abolire il celibato: "Ci sono così tanti sacerdoti in Carinzia che hanno il celibato come prospettiva di vita, incluso me. Molti mi hanno parlato e mi hanno chiesto 'Non ci è più permesso di vivere così?' ". Ma ha immediatamente aggiunto che voleva discutere una possibile esenzione. "Penso che anche il celibato ponga problemi: ci sarebbero più vocazioni sacerdotali e meno solitudine tra i sacerdoti [se il matrimonio dei sacerdoti fosse permesso]. Sarebbe anche più facile per i sacerdoti anziani".

L'ordinazione delle donne?

Per quanto riguarda le donne nella Chiesa, mons. Marketz si è dichiarato favorevole a sfruttare tutte le possibilità attualmente disponibili per consentire loro di prendere il loro posto. Inoltre, ritiene che si possa almeno discutere  sull'argomento. In effetti, in un passaggio di un prossimo libro che ha dedicato a Giovanni Paolo II, sottolinea che non solo è d'accordo con Giovanni Paolo II - contro l'ordinazione delle donne - ma anche che "la questione non può essere discussa" perché le riflessioni di Wojtyla erano "definitive".

Questo è almeno un punto positivo nel tumulto che scuote il sacerdozio da diversi anni. Si spera che questa affermazione sarà scritta anche altrove che in una pubblicazione privata. E che non sia un modo per affrancarsi da ciò che è scritto nell'esortazione annunciata.