La vita nuova del battezzato nei salmi (2)

Fonte: FSSPX Attualità

La crescita della nuova vita dei battezzati

Per far crescere in noi la vita ricevuta al battesimo, è necessario sviluppare le virtù teologiche. In effetti, la vita cristiana è soprattutto una vita di fede, speranza e carità. Anche in questo caso, il Salmista era ben consapevole di ciò, poiché le menziona regolarmente nel Salterio.

Perché un essere razionale sia in grado di lottare costantemente per un obiettivo specifico, deve avere la conoscenza e il desiderio di farlo. Vogliamo solo ciò che sappiamo e cerchiamo efficacemente solo ciò che speriamo di ottenere. Infine, l'amore è il motore che stimola il desiderio, perché vogliamo solo ciò che amiamo. Questa legge psicologica mostra il posto della fede, della speranza e della carità nella vita cristiana. Per raggiungere Dio, bisogna prima conoscerlo e poi credere che si possa raggiungerlo. Infine, bisogna amarlo. L'amore aiuta a superare gli ostacoli insiti in tutta la vita umana.

Una vita di fede

San Giovanni ha così rappresentato uno dei meravigliosi effetti del battesimo: "Tutto ciò che è nato da Dio vince il mondo; e questa è la vittoria che ha sconfitto il mondo: la nostra fede" (1 Gv 5: 4). I battezzati, essendo nati da Dio, trionfano sul mondo per la fede. E Nostro Signore promise felicità a coloro che avrebbero creduto in lui senza averlo visto, quando disse all'incredulo Apostolo: "Perché mi hai visto, Tommaso, hai creduto. Beati coloro che crederanno senza aver visto"(Gv 20, 29). Quando recitiamo il rosario, contemplando il mistero della risurrezione, chiediamo a Dio particolarmente la fede.

Questa virtù soprannaturale è già presente nell'anima del giusto nell'Antico Testamento e specialmente in Davide. Il re profeta è costantemente esposto ai nemici. In questa lotta, combatte con coraggio, pazienza e perseveranza, e riesce a contrastare le loro trappole grazie alla sua fede ancorata al corpo. Dà testimonianza della sua fede quando scrive: "Ho creduto, ecco perché ho parlato" (Sal 115, 10). Quindi cosa ha detto? Ecco alcuni versi scelti tra i tanti che sviluppano il contenuto della sua fede: una fede onesta e profonda. La fede è riassunta negli articoli del Credo. Ora il re profeta crede in Dio Padre, in suo Figlio, nello Spirito Santo; crede nell'onnipotenza di Dio, nella sua maestà, nella sua santità. Crede nella Chiesa che Cristo fonderà, crede nel perdono dei peccati, nella risurrezione della carne e nella vita eterna. Crede nell'esistenza del Paradiso e dell'Inferno e nella necessità di seguire i comandamenti di Dio per meritare l'accesso al paradiso.

Dal Salmo 2, mentre osserva la relazione tra Dio Padre e suo Figlio, dichiara: "Il Signore mi ha detto: tu sei mio Figlio; Ti ho generato oggi"" (Sal 2, 7). Da tutta l'eternità, Dio Padre genera suo Figlio che è uguale a lui. Il termine oggi indica il presente eterno, perché per Dio non c'è passato né futuro. Davide riconosce anche l'esistenza della terza Persona divina, lo Spirito Santo, poiché dice in un salmo: "Non togliermi il tuo Santo Spirito" (Sal 50:13). In un altro salmo, mostra la missione dello Spirito Santo: "Il tuo buon Spirito, [Signore], mi condurrà sulla terra stabile" (Sal 142, 10). Il buon Spirito è lo Spirito Santo e la terra stabile designa il Cielo. Quindi Dio, che è la stessa santità, guida il Salmista sulla via del Cielo. Ammirando gli attributi divini, esclama: "Il Signore è grande e degno di ogni lode, nella città del nostro Dio, sul suo monte santo" (Sal 47, 2). "Benedetto sia il nome della sua maestà per sempre" (Sal 71, 19). "Il suo nome è santo e terribile" (Sal 110, 9).

Il Salmista quindi parla abbondantemente di Dio ma anche della Chiesa che Cristo fonderà, poiché scrive: "Io [è una domanda del Cristo] farò conoscere il tuo santo nome ai miei fratelli, manifesterò le tue lodi nella Chiesa" (Sal 21, 23). San Roberto Bellarmino commenta questo versetto come segue: "Cristo racconta il frutto della sua risurrezione, che è la conversione del mondo al vero Dio. Dopo la mia risurrezione, invierò [dice Cristo] i miei Apostoli in tutto il mondo, e a loro dirò il tuo santo nome, cioè farò conoscere la tua Divinità a tutti gli uomini che sono miei fratelli sin dalla mia incarnazione, e così ti loderò nella Chiesa".

Ritornando a sé stesso, dopo aver ammirato Dio e la sua Chiesa, Davide si riconosce peccatore. Sa che deve essere perdonato. Ecco perché spera nella misericordia divina: "Beati, dice, coloro le cui iniquità sono state perdonate e i cui peccati sono coperti" (Sal 31: 1). Crede anche nella risurrezione della carne poiché scrive: "Anche la mia carne riposerà nella speranza, perché non lascerai la mia anima nell'inferno; non permetterai al tuo santo di conoscere la corruzione" (Sal 15, 9-10). Bossuet commenta questo passaggio come segue: "Cosa temi, anima cristiana, nell'approssimarsi della morte? Hai paura di perdere il tuo corpo? Ma non lasciare che la tua fede vacilli: finché ti sottometti allo spirito di Dio, questo spirito onnipotente ti renderà migliore, ti terrà al sicuro per l'eternità". Basandosi sulle promesse divine, il Salmista proclama: "Canterò per sempre le misericordie del Signore" (Sal 88: 2).

Naturalmente il salmista crede nel Cielo. Questo è il motivo per cui dice: "Mi rallegro perché mi sia stato detto: andremo alla casa del Signore" (Sal 121, 1). La "casa del Signore" designa il Cielo. Il Salmista dà anche uno sguardo di fede alla condizione dei dannati: "Furono messi all'inferno come un gregge di pecore. La morte li divorerà" (Sal 48, 15). San Roberto Bellarmino spiega il pensiero dello scrittore sacro: "Il profeta, dopo aver detto che il peccato rende gli uomini come bestie, ha detto che la loro fine sarà come la loro vita e che saranno vittime della morte come del bestiame. Questo è ciò che mostra la follia di questi uomini che cadono all'inferno dopo la loro morte, così come delle pecore che vengono spinte fuori dalla stalla, e vengono condotte al macello senza resistenza". Il Salmista fornisce ulteriori dettagli sul destino dei dannati: "Il Signore farà piovere trappole sui peccatori; il fuoco, lo zolfo e gli spiriti delle tempeste fanno parte del loro calice" (Sal 10: 7). San Tommaso ne deduce le seguenti parole: "I peccatori saranno legati in modo che non possano sfuggire al male o ottenere dei beni. Quindi è detto: farà piovere trappole sui peccatori, vale a dire, incatenerà i loro sensi. Poi lo zolfo si riferisce all'olfatto e al fuoco al tatto: Il fuoco non si spegnerà (Is 66, 24)". Furono gettati vivi nel lago di fuoco (Ap 19:20). Lo stesso vale per i loro affetti, perché non riposano. In effetti, gli spiriti delle tempeste fanno parte del loro calice, vale a dire che i demoni li disturbano, li molestano e li affliggono".

Vedendo il destino deplorevole delle anime che cadono all'inferno, comprendiamo meglio che non è indifferente seguire o violare la Legge di Dio quaggiù. Ecco perché dal primo salmo il re-profeta disse: "Beato l'uomo che non ha camminato nel consiglio dei malvagi e che non si è fermato sulla via dei peccatori, e che non si siede sulla cattedra della pestilenza; ma che ha i suoi affetti nella Legge del Signore" (Sal 1, 1-2).

Una vita di speranza

La mancanza di fede distrugge la speranza, come hanno mostrato i discepoli di Emmaus prima di riconoscere Cristo risorto. E viceversa, la fede conduce alla speranza. Ecco perché, nostro Signore cercò il giorno di Pasqua per ravvivare la fede dei due discepoli afflitti per dare loro speranza. "Uomini senza intelletto", disse loro. "Tardi di spirito nel credere a tutto ciò che i profeti hanno annunciato! Il Cristo non doveva soffrire forse in questo modo per entrare nella sua gloria? "(Lc 24, 25-26)

La speranza è senza dubbio una delle virtù più lodate dal Salmista. Davide nella morsa di mille prove trae da questa virtù la forza di continuare valorosamente nel suo cammino verso la via del Cielo.

"Beato l'uomo per cui il nome del Signore è speranza!" (Sal 39, 5). Il Salmista mostra qui che la speranza consiste nel fare affidamento sull'aiuto divino. Il frutto della sua speranza sarà la felicità eterna: "Fa che tutti coloro che ripongono la loro speranza in te, Signore, gioiscano; saranno eternamente pieni di gioia e dimorerai in loro" (Sal 5:12). Da una visione generale, arriva a rivelare le disposizioni della sua anima e i frutti che ne derivano: "Io, dice, sono come un ulivo fertile nella casa di Dio; ho riposto la mia speranza nella misericordia di Dio per l'eternità e per secoli dei secoli "(Sal 51, 10). Sant'Agostino commenta questo versetto basandosi sul Vangelo: "L'ulivo sterile, come il fico del Vangelo, che non produce nulla è l'immagine del peccatore. Sono entrambi buoni solo se tagliati e gettati nel fuoco. L'ulivo fertile, al contrario, e che porta frutti abbondanti, è l'immagine del giusto che merita di avere un posto nella casa del Signore. La speranza nella misericordia di Dio è il solido fondamento della salvezza eterna, ma a condizione di riporre la propria speranza in Dio, non di acquisire beni temporali, ma beni eterni per l'eternità e per secoli dei secoli. Aggiungendo con secoli dei secoli, il Profeta ha voluto attestare quanto fermamente è stabilito nel suo amore per il regno dei cieli e nella sua speranza per l'eterna beatitudine".

Una vita di carità

"Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutte le tue forze" (Dt 6, 5). Questo è il primo comandamento. Il Salmista lo capisce, lui che canta costantemente il suo amore per Dio. Trova lì la sua consolazione, la sua forza, la sua gioia. E non solo lo canta con la sua bocca, ma anche attraverso la sua vita.

"Dio è il Dio del mio cuore e mia eredità per l'eternità" (Sal 72, 26). I nostri cuori sono fatti per Dio. Bossuet spiega così il posto dell'amore nella relazione dell'uomo con Dio. "Dio", ha detto, "è il primo principio e il motore universale di tutte le creature. L'amore muove anche tutte le inclinazioni e le sorgenti più segrete del cuore, è come il dio del cuore. Ma, al fine di prevenire questa usurpazione, deve sottomettersi a Dio, in modo che il nostro grande Dio sia egli stesso il Dio del nostro amore, è allo stesso tempo il Dio dei nostri cuori, e che possiamo cantargli con Davide: Dio del mio cuore e mia eredità per l'eternità". I discepoli di Emmaus hanno sperimentato l'azione del Cristo risorto nel profondo dei loro cuori quando si è rivelato a loro il giorno di Pasqua. Dopo averlo lasciato, hanno confessato: "I nostri cuori non ardevano dentro di noi quando ci parlava sulla strada e ci spiegava le Scritture? " (Lc 24, 32).

Chi ama non si stanca mai di mostrare il suo amore al suo amato. Così il Salmista canta della profondità del suo amore per Dio, rivelando: "Il mio cuore e la mia carne tremano di amore per il Dio vivente" (Sal 83, 3). Nel suo commento, Saint Roberto Bellarmino spiega il significato dell'espressione Dio vivente. "Il Profeta dimostra la forza del sentimento che ci ha appena rivelato dicendoci che la sua anima e il suo cuore tremano nella lode a Dio, perché tale è l'inclinazione di coloro che amano perdersi nella lode dell'oggetto del loro amore. Dio è qui chiamato il Dio vivente, prima in opposizione agli idoli, che "hanno occhi e non vedono, orecchie e non sentono" (Sal 113: 13-14), ma anche perché solo Dio è vivere da sé stesso. Solo il Signore ha la volontà e l'intelligenza da sé stesso; è la vita, e questa fonte di vita non riceve da nessuno, ma dà a tutti".

Il Salmista annuncia che la felicità del Cielo è specialmente promessa a coloro che, sulla terra, avranno praticato la carità fraterna e a coloro che avranno mostrato misericordia al prossimo in base a ciò che è scritto: "Ecco quanto è buono e quanto è soave che i fratelli vivano insieme! Là il Signore dona la benedizione e la vita per sempre" (Sal 132, 1 e 3). In un altro salmo, Davide guardando gli eletti disse: "La Divina Misericordia mi circonderà" (Sal 31, 10). Sulla base di questa considerazione, Bossuet ne trasse la conseguenza di essere a nostra volta misericordiosi: "Con un padre così buono come Dio, quale dolcezza possiamo pretendere se siamo duri ed inesorabili? Attenzione quindi al legame tra la misericordia ricevuta e la misericordia esercitata".

Quale conclusione trarre da queste riflessioni sulla pratica delle virtù teologiche se non seguire le esortazioni di san Giovanni Crisostomo che commenta questo versetto del Salmista: "Guidami sulla via eterna" (Sal 138, 24). "Cos'è questa via eterna? Il percorso spirituale che conduce al Cielo e che non ha fine. Tutte le altre cose sono di breve durata, confinate in uno spazio di vita così ristretto. Il Salmista quindi lascia tutti questi beni fugaci, per attaccarsi a ciò che è immortale, eterno, infinito. Come ci arriviamo? Ciò richiede di unire gli sforzi personali con l'aiuto di Dio, applicarsi alla pratica della virtù, della saggezza e cercare di rendersi superiori a tutti gli eventi di questa vita. Nulla di legato alla vita eterna è transitorio o deperibile. Il privilegio della virtù è di avere sempre frutti pieni di vita e che non appassiscono mai, immortali e infiniti in dolcezza e durata".

Il cattolico arricchito dalla grazia santificante ha un tesoro ineffabile. Grazie alle virtù teologiche, può unirsi a Dio da quaggiù e vivere di ciò che sarà la sua felicità in Paradiso. Elisabetta della Trinità dal nascondimento del suo carmelo a Digione l'ha vissuta quando ha scritto: "Portiamo dentro di noi il nostro Paradiso, poiché Colui che riempie il beato con la luce della visione beatifica, si dona a noi nella fede e nel mistero; è lo stesso. Mi sembra di aver trovato il mio Paradiso in terra, poiché il Paradiso è Dio; e Dio è nella mia anima. Il giorno in cui l'ho capito, tutto mi è stato illuminato. E vorrei dire questo segreto in un sussurro a coloro che amo".

La meditazione sui salmi ci rivela l'incredibile livello di intimità che il Salmista aveva con Dio. Possiamo noi, in questo periodo pasquale, riservarci del tempo per meditare a nostra volta alcune delle sue parole per crescere nell'amicizia di Dio e sviluppare le virtù teologiche che ci consentiranno un giorno di unirci a lui nella beata eternità del Cielo.

Padre Patrick Troadec